Ora basta!

 Guardate questa foto, ne ho altre: i cinghiali hanno buttato a terra le viti alte (allevate apposta per prevenzione contro questi animali) e mangiato tutto…

Ora basta! Non si può andare avanti così. Noi agricoltori oltre a lottare contro il tempo, la peronospora, l’oidio, il mercato, la burocrazia, i figli, le macchine che si rompono, dobbiamo anche lottare contro i danni dei cinghiali, dei daini, dei caprioli e quant’altro.

L’immobilismo degli Enti Locali, della Provincia, della Regione, dello Stato, dei cacciatori e delle loro Associazioni hanno creato una distorsione ambientale tale che la proliferazione di questi animali non è più sopportabile.

Io dichiaro guerra. Guerra contro chi non capisce la situazione, guerra contro tutti. Il pennato ce l’ho e lo scaglierò contro chi per primo mi farà girare le balle. D’altra parte con qualcuno me la dovrò pur prendere…

(Visited 16 times, 1 visits today)

6 pensieri riguardo “Ora basta!”

  1. Barriere, recinti, fili elettrici, spesi ingenti per la manutenzione, paesaggio sconvolto, fondi chiusi, a piedi difficile attraversare le vigne. Comuni in disaccordo per il rilascio delle autorizzazioni quando richieste. Insomma un gran casino. La situazione è grave più di quanto possa sembrare da una valutazione esterna.

  2. Riesco a capirti, la situazione è difficile anche senza animali. Guardando poi la foto poi… c’è veramente da preoccuparsi, se la cosa comincia a ripetersi con regolarità… ðŸ™

  3. Andrea ti ringrazio per la solidarietà. Al solito, i rischi dei piccoli agricoltori/vignaioli sono moltiplicati all n potenza in quanto non operando in una ottica imprenditoriale globalizzata, ma lavorando solo sul risultato del proprio sudore, sono esposti all’inerzia delle istituzioni. Istituzioni che spesso burocratizzano e basta…

Rispondi a Paolo Cianferoni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *