Meglio un bicchiere di vino che una canna

Lo posso tranquillamente affermare. Un bicchiere di vino, meglio se buono, ti lascia felice e loquace, lucido e pieno di energia, positivo verso il mondo e le persone che ti amano. Una canna ti lascia disorientato e confuso, ti assorbe energia, puoi entrare in confusione e perdere lucidità nell’indifferenza di chi ti circonda.

Qualcuno potrà controbattere, perchè difende ciò che per lui è la normalità. Ma ragazzi, datemi retta: scoprite il buon vino, forse non lo avete mai apprezzato perchè lo avete ingurgitato sempre senza prestare attenzione oppure non vi è mai stato offerto un vino d’eccellenza.

Ci sono diverse occasioni di avvicinarsi al vino, e sempre in compagnia; il vino offre occasioni più ghiotte alla luce del sole. Col fumo ci si avvicina e si prosegue solo per essere accettati, nell’appiattimento generale, oppure in solitario, nell’imbambolamento personale. E diciamolo pure: chi fuma conclude poco.

Chi invece gioisce di un buon bicchiere di vino ha il mondo alla sua portata…

Se potete raggiungere Roma giusto questo weekend, andate a Sangiovesepurosangue: con 25 euro, capirete. Oppure mille di queste simili iniziative in ogni parte d’Italia. Tutto L’anno.

Il vino è il nostro sangue, sangue Italiano, non lasciatevi ingannare da culture che in fondo non ci appartengono.

 

 

(Visited 102 times, 1 visits today)

4 pensieri riguardo “Meglio un bicchiere di vino che una canna”

  1. Se proprio si volesse azzardare,forse sarebbe meglio paragonare fumare una canna con il BERE una bottiglia di vino intera: l’effetto del vino allora sarebbe paragonabile al high di un joint. La grossa differenza, secondo me, è sulla durata dell’esperienza. Si può essere consumatori assuefatti di entrambe le sostanze ma la fondamentale differenza è che la canna per essere completamente eliminata dall’organismo necessita di molto tempo, giorni, addirittura qualche settimana: chi ne fa uso difficilmente se ne rende conto (o vuole), ed in questo lasso di tempo, le funzioni mentali sono alterate. Il consumo moderato di vino invece è un’altra cosa mentre proprio per il motivo sopra citato personalmente non credo possa esistere davvero un uso moderato della cannabis, quantunque poca se ne utilizzi proprio per le implicazioni psicologiche subdole che un’uso anche minimo che quest’ultima sostanza provoca. Non per questo serve criminalizzarne l’uso ma occorre piuttosto informare ed educare anche anche perchè pare che un 10% della popolazione sia esposto ad una possibile dipendenza, e dopo diventa difficile si dovesse scoprire di farne parte…

    Sì, è meglio UN bicchiere di vino.

  2. C’è un altro punto che ritengo importante, sono un agricoltore, viticoltore e produco anche un alimento, producendo vino. Un alimento ha tutti gli aspetti legati a momenti di convivialità, per quanto riguarda il vino è un alimento che si deve "imparare" a consumare.
    Non credo sia coretto vedere il vino come stupefacente….! L’alcol diventa un altro discorso….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *