Una serata da Burde

img_1237Quando io e Gianna la sera del 23 Settembre siamo arrivati da Burde, per un evento dal titolo “Caparsa e il terrorio di Radda in Chianti”, in via Pistoiese 152 a Firenze, mi è venuto in mente il film “Miracolo sulla 8a strada” : una costruzione storica con intorno la “modernità” fatta da superstore e grandi magazzini e poi i cinesi e poi gli aerei che sfiorano le nostre teste. Si entra e ci si rende conto che lì i tempi moderni sono rallentati, miracolosamente. Dal 1901, da quando lo zio del nonno dei due fratelli Gori, Andrea e Paolo, fondò la taverna questo posto continua la sua opera di tradizione culinaria fiorentina, unita al vino.

L’uomo in foto, Andrea Gori, sempre col bicchiere in mano, incarna con la sua professionalità unita alla grande passione per la cucina Toscana, con suo fratello e la mamma, la grande bellezza dell’unione cibo-vino, per me centrale nella funzione di salubrità, storia e cultura del vino italiano.

In una progressione tannica, dal Rosato di Caparsa e poi il Rosso di Caparsa e poi il Chianti Classico Riserva Caparsino 2009, 2011 , 2012 e per finire il Chianti Classico Doccio a Matteo Riserva 2007 e 2003 non dimenticherò il piatto finale con il toro: “Sfilettato di Toro e mosto del
chianti con Verdure croccanti”.

Le Prestazioni da vino

caparsaview

Periodo di guide, di giudizi e di classifiche sui vini: si misurano le prestazioni dei vini. Sono convinto che noi produttori viviamo questo periodo con una certa ansia da prestazione. Si sbirciano le email, si sbirciano i social network nella speranza di avere qualche riconoscimento. Tutto ciò si può trasformare in ansia se non si è sufficientemente sereni e scoglionati.
Ho saputo poi di qualcuno che in un primo momento era presente in un elenco, poi smentito poco dopo da un altro elenco vedendosi “soffiare” l’ambito riconoscimento. Mi immagino la perplessità di questo qualcuno.
Mah, che dire, la giostra gira in quel modo, sempre veloce, senza fermarsi e il mio pensiero va a chi, bravo, non riesce mai ad accedere a quella giostra ma anche a chi rosica troppo, pur essendo premiato, senza davvero che ne valga la pena in entrambi i casi.

Caparsa è una chiocciola

chiocciola2016piccola

Orgogliosi di essere una Chiocciola. nella Guida dei vini di Slow Food 2017, abbiamo ricevuto questo riconoscimento dedicato ai produttori che più sono in sintonia con la filosofia di “Buono, Pulito e Giusto” di Slow Food. Caparsa ha la chiocciola su 197 in Italia.

http://www.slowfood.it/slowine/le-193-chiocciole-slow-wine-2017/

Ci vediamo a Montecatini il 15 ottobre per festeggiare

Radda in Chianti Superstar per il Gambero Rosso

radda-in-chianti

Si può essere daccordo oppure no sulle scelte, ma il Gambero Rosso ha premiato con i tre bicchieri ben 10 vini di aziende di Radda in Chianti nella prossima guida 2017, su 80 tre bicchieri in Toscana. Borgo Salcetino, Brancaia, Castello di Albola, Castello di Radda, Castello di Volpaia, Montevertine, Monteraponi, Poggerino, Istine, Val delle Corti.

Un record, credo.

Impressioni d’Agosto

Dopo un inverno estremamente mite, le viti si sono risvegliate dal letargo invernale con molto anticipo. Ma da inizio Maggio fino alla terza decade di Luglio pioggia e temperature al di sotto della media hanno annullato l’anticipo. Grandinate a macchia di leopardo molto gravi si sono verificate in quel periodo. Ma anche quando le condizioni si sono stabilizzate nella norma con temperature anche alte e giornate soleggiate da fine Giugno e tutto luglio, non sono mancati numerosi temporali, qui nel Chianti. Pregare tutte le volte che l’instabilità atmosferica non causi grandine è ormai abitudine. Però occorre ammettere che chi ha lavorato bene, con la fortuna, la qualità dell’annata promette grandi cose: caldo e piogge al momento giusto stanno creando condizioni ottimali per una ottima annata.

L’invasione dei turisti. Non so se è una mia impressione ma nell’ultimo mese assistiamo ad una specie di arrembaggio di turisti qui in Chianti: che abbiano tutti deciso all’ultimo momento di venire in Chianti? Che sia l’ottimo vino che si beve in Chianti? Strade intasate e ristoranti strapieni, ma forse una delle cause  principali è che l’Italia al momento è immune da attacchi terroristici; si preferisce spender di più ma rimanere in sicurezza (il Chianti per ragioni storiche è un territorio estremamente controllato e sicuro), piuttosto che raggiungere mete fino a ieri ambite ma oggi a rischio.

Il Valore dei Territori

Italia: il 94% del vino viene gestito dal 6% delle imprese vinicole,
Alcune considerazioni:
Primo: la dominanza dell’agroindustria è evidente.
Secondo: la sottomissione delle piccole aziende può essere altrettanto evidente.
Terzo: tutta la normativa sul vino si ispira a quel 6% delle imprese vinicole, non certo al 94%.
Quarto: come fa a sopravvivere il 94% di imprese vinicole se gestisce solo il 6% del vino? Arrangiandosi, ma soprattutto cercando di stringersi stretti i propri territori, il valore aggiunto del mondo del vino italico. E’ l’unica via per la loro/nostra sopravvivenza.
Speriamo che la mia Denominazione Chianti Classico velocemente cominci con le Menzioni Comunali.

La vera sfida del futuro delle guide

thumb_IMG_0838_1024

I litigi tra i curatori di alcune Guide Italiane del vino stanno dominando i social. Ognuno cerca di vendersi per quella fettina di mercato necessaria per sopravvivere, ostentando originalità e innovazione.

Tante davvero sono e saranno le parole spese per descrivere i vini. Ma son solo parole, argomenti parziali e provinciali di un mondo complesso.

E poi ci sono i numerosissimi concorsi di vino che forse servono agli addetti ai lavori ma servono poco ai più.

Il mondo cambia, ma la grande bellezza del vino artigianale complemento del cibo no, quello ancora a mio parere resiste in Italia per fortuna. Ma la comunicazione sul vino non sembra assecondare questa virtù: da Nord al Sud Italia ci sono infiniti gusti che si differenziano per tradizione e cultura e il vino rimane complemento importante di quelle culture: ogni luogo, ogni comunità ha le sue tradizioni di cibo e di vino, con oltre mille vitigni diversi e migliaia di ricette, ma poco sottolineato.

Le qualità dei vini osannate dai professionisti è troppo isolata dal contesto territoriale e dal cibo. Chi giudica il vino deve cominciare a guardare i contesti gastronomici: c’è un gran mondo e tanti spazi da scoprire con l’abbinamento vino-cibo- territori, ma pare che molta comunicazione si riduca a futili argomentazioni per sopravvivere, per spuntare social-audience, oppure protagonismi inutili.
Cultura e vocazione dei territori del vino con la gastronomia locale sarà l’argomento del futuro.

Che palle, nessun Italiano!

Ricevo e pubblico… per far capire come gira il mondo del vino… neanche un Italiano… sono solo gli stranieri che decidono le sorti? Ma fatemi il piacere…

Spett.le Cantina, sono Export Manager e lavoro nel settore da molti anni. Ecc. Ecc….. Con la presente sto cercando i vini premiati con i punteggi superiori ai 90 punti per un importatore americano. Le guide con i punteggi superiori ai 90pts che cerco sono: Decanter Magazine, Robert Parker – Wine Advocate, Wine Spectator Magazine, Wine & Spirits Magazine, Wine Enthusiast magazine, International Wine Cellar, Vinous, Tim Atkins, James Suckling, Jancis Robinson, Gilbert & Gaillard, James Halliday, Connoisseur’s Guide, Rhone Report, Burghound. (piu’ bottiglie potete proporci piu’ siamo contenti). Se avete il vino/vini che cerchiamo allora vi prego di rivolgervi al mio indirizzo email oppure chiamarmi al cellulare che potete trovare nella firma…. Ecc, Ecc, Ecc, Ecc.

 

 

Il Davide Matassini Pensiero su manifestino contro i diserbanti

diserbante1

Cari Viticoltori, tutti,
Paolo Cianferoni che tutti conoscete, mi ha messo al corrente del “ grande scalpore” (al momento ben quattro commenti, un successo !!) che ha suscitato l’iniziativa locandina con annesse cartoline sul tema dell’ uso dei diserbanti in vigna.
In tutta sincerità Paolo ha scritto una risposta a questi commenti, un post mi ha detto, che gentilmente mi ha inviato per farmelo leggere e magari integrare.
Poiché sono abituato a farle da solo queste cose, le risposte, e tal volta anche le domande, ho ringraziato, ed ho chiesto a Paolo di attendere qualche giorno prima di inviare una risposta e darmi il tempo di farlo personalmente, chiedendogli gentile ospitalità all’interno del suo blog, spero di non sbagliare termini, blog, post ……
Il caro amico Paolo, mi ha anche consigliato di essere breve, perché? Perché, oggi si fa così mi ha detto e comunque già lo ringrazio.

Bene, ecco il  DavidMatassiniPensiero:

Paternità dell’ iniziativa: David Matassini. Nome in codice : TERRA CURATA TERRA INNAMORATA ovvero Noi: leggi PRODUTTORI il VINO nel CHIANTI lo facciamo senza quella roba là.
Motivazione: una mattina di primavera, questa, passeggiando sopra casa mia, zona S. Giusto in Salcio (Radda in Chianti) mi imbatto, in forte contrasto con la bella e rigogliosa vegetazione circostante, in una VIGNA trattata con DISERBO, con gli effetti che tutti voi potete immaginare (vi allego foto) diserbo_matassini
Reazione : Sdegno della REALTA’,(non delle cose, come in S. Agostino), ma DELLA VIGNA, e questa volta nel senso di S. Agostino. Elaborazione: CORAGGIO, ragazzi, le VIGNE (cose, in S. Agostino) si POSSONO CAMBIARE e anche questa volta nel senso di S. Agostino. Azione: Innocua, quasi puerile, (un educanda incazzata avrebbe concepito qualcosa di più incisivo), produzione di manifestino. Manifestino, sul quale si è aperto durante la sua preparazione ampio dibattito sui termini, sulle virgole, posizione dei nomi delle aziende e addirittura sui colori che avrebbero potuto infastidire l’uno o l’altro produttore, roba, vi assicuro da far rinunciare all’iniziativa. NON HO MOLLATO !! e il prodotto è quello che conoscete. Secondo me qualche casa produttrice di diserbanti ne risentirà fortemente.
Finalità : IO, non noi, VOGLIO, e non vorrei, che LA NOSTRA, e non mia o tua, TERRA NON sia PIU’ AVVELENATA !
Diserbante legale o illegale, che io beva VINO o ACQUA per me sempre VELENO E’.
Ricordiamolo, siamo sempre
solo dei PROVVISORI GESTORI di un vero BENE COMUNE, che tanto di moda è adesso. Anche un po’ di retorica che non guasta mai  :-  Quale TERRA vogliamo lasciare ai nostri figli e figlie ? È vero, andare troppo per il sottile è difficile, lo riconosco, e come diceva sempre l’Agostino, sono tempi cattivi, dicono gli uomini, VIVANO BENE ed i tempi saranno buoni. NOI SIAMO I TEMPI. Alla faccia dei primini della classe, degli esibizionisti, e anche di facebook…
A completa, e gratuita, disposizione per la prossima dirompente azione.
Saluti a TUTTI
David Matassini
Ps:, consiglio la lettura del bel libro di EMILIANO GUCCI ( ed. Laterza ),”Sui pedali tra i filari, da Prato al Chianti e ritorno“ soprattutto dei capitoli “Terre a mano in difesa della natura” e “ Convenzionale, naturale, bio VINO? “, notevoli, a riguardo del tema.

Mi raccomando

Una vigna diserbata
Una vigna diserbata

Mi raccomando, fate il vino con l’osmosi inversa e poi premiateli, fate il vino col glifosate e poi premiateli, fate il vino come un qualunque business e poi premiateli, fate il vino con gli additivi e poi premiateli.

Magari punite chi pratica il buon senso, che quello è morto cadavere. La cultura e le tradizioni e l’ambientalismo ci fanno un baffo.
Grandine o siccità o alluvioni in agricoltura, è meglio vivere e operare nella nostra amata agroindustria, mi raccomando. Le calamità e la cultura non devono incidere sul mercato globale, tanto si trova tutto a buon mercato ed è meglio tenere ignoranti tutti. La forza lavoro non manca, gli schiavi ricattabili li troviamo sempre, dunque non seguite i pazzi predicatori dei vini naturali. Anche loro un giorno si convertiranno oppure venderanno a noi. State tranquilli, abbiamo dalla nostra parte la politica, i telegiornali e i poveri.