Considerazioni bio

Al ritorno dell’evento BioPride a Gaiole in Chianti, dove 52 aziende si sono proposte con i loro vini il 21 e 22 Giugno, alcune riflessioni le devo esternare.

I vini Bio, almeno tra tutte le aziende partecipanti all’evento, sono tutti buoni, è difficile individuare difetti o qualità scadenti come occasionalmente avveniva nel passato. Questo provocherà certamente un’evoluzione per un mercato che solitamente è sempre stato di nicchia.

Emerge inoltre la consapevolezza del concetto che ci conduce al “distretto territoriale bio-” che rappresenta la novità vera di questo mondo. Il mondo bio si è spesso contraddistinto per le polemiche, selvagge competizioni e credi diversi che hanno reso l’idea di frammentazione e di poca credibilità.

I bio distretti invece, dove le aziende possono superare insieme le regole più o meno rispettate delle certificazioni, possono essere l’evoluzione, il futuro: la condivisione, la solidarietà e l’appartenenza di un unico territorio che si sforza di produrre pulito, in un modello competitivo in cui il vicino non rappresenta più un nemico ma un’occasione per migliorare la metodologia, potrebbe abolire e rendere inutile l’ormai quasi obsoleta la parola Bio. Occorre infatti riconoscere che la legislazione non potrà mai definire la metodologia, per taluni troppo restrittivo e per altri troppo permissivo, mentre invece i territori sicuramente si. I benefici sarebbero oltre che dal punto di vista ambientale, anche dal punto di vista del mercato che individuerebbe non più la singola isolata azienda bio, ma interi territori.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Un commento su “Considerazioni bio”

  1. E’ fuori di dubbio. Una singola azienda bio in un territorio dove non esiste un coordinamento sui metodi di conduzione, si esporra’ sempre alla fatidica domanda: "Sì, bio, bene, bravo, ma cosa succede nei terreni attorno a te". Nel caso del bio-distretto, quando davvero tutti i produttori (viticoltori ma non solo) opereranno con il biologico, potremo ragionare di altri temi e di nuovi passi in avanti, finora impensabili, come ad esempio: un territorio ad impatto energetico zero, metalli pesanti zero, chimica zero, etc. Aria, falde, cibo, vita pulita, non solo per modo di dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *