Anteprima 2007 di Caparsa alla Collection

Ci siamo quasi. Il 15 e il 16 Febbraio presenterò la mia nuova annata con il Riserva 2007 Doccio a Matteo  e il Riserva 2007 Caparsino.

L’anteprima, chiamata “Chianti Classico Collection” sarà l’occasione per il lancio del 2007 per me molto favorevole. La speranza di ricevere giudizi positivi è forte, anche perchè a questo punto mi sentirei veramente demoralizzato per proseguire dopo trenta anni di lavoro.

Quest’anno dopo molti anni ci sarà l’occasione di riconoscere le differenze di territorio nella manifestazione, in quanto i produttori sono raggruppati in zone di produzione (riconoscibilità comunali). Sono convinto che i vini di Radda in Chianti richiameranno molta attenzione, per la loro identità, riconoscibilità, e un denominatore comune; questo piccolo territorio del Chianti Classico è molto omogeneo e ricco di piccole realtà impegnate a cercare di valorizzare non solo il proprio marchio, ma il territorio di Radda. Ormai si sta facendo largo l’idea che l’unità degli operatori nei territori, invece di procedere in ordine sparso all’interno di una grande zona di denominazione meno identitaria, sia più proficuo per tutti. La realtà dura è che il comparto vino in Toscana sta subendo una crisi così forte, che ormai si tentano tutte le strade possibili e tante decisioni arrivano e arriveranno causate da uno stato di crisi economica chiara. Purtroppo la stragrande maggioranza dei produttori non ce la fa più e a volte presi dalla frenesia di fare qualcosa di utile, si finisce per fare cose sbagliate…

 

(Visited 18 times, 1 visits today)

4 pensieri riguardo “Anteprima 2007 di Caparsa alla Collection”

  1. Se non fosse che:
    -devo finire di potare le pere e la vigna
    -devo trinciare
    -devo rimettere a posto i fili binari del vigneto
    -devo finire di sgomberare la stalla per il sabbiatore( sarà la sala degustazione, magazzino ,cantina..)
    -devo giocare con Filippo(mio figlio)
    -devo etichettare il bianco.. a mano
    devo…
    Verrei anche a piedi da casa per sentire la tua ris.2007 Doccio a Matteo, anche perchè il 1997 è stato il primo vino che io abbia sentito dei tuoi…ho ancora il tuo deplian con la cartina..ciao Gp

  2. Bravo, i veri vignaioli si riconoscono dai problemi che ogni giorno devono risolvere in una ottica lungimirante di diversi lustri…. i tuoi problemi, le tue incombenze, sono le mie e di tanti altri come noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *