La folla intorno al vino

Una grande folla si aggira, ruota, in modo spesso folle nel mondo del vino.

Io che sono abituato alla solitudine del lavoro in vigna o in cantina, mi disorienta un poco ultimamente. Probabilmente anche l’internettizzazione di questo mondo con migliaia di informazioni, di inviti, di richieste, di obblighi che ogni giorno arrivano sulla casella elettronica, ma anche la velocità vorticosa del giro di questo tipo di mondo, è ciò che mi disorienta.

Questo per esempio è il tempo dei corsi obbligatori, di chi organizza i corsi e chi li conduce. Corsi per fare tutto, per guidare il trattore (dopo 45 anni che lavoro col trattore), corsi per i i collaboratori, corsi per acquistare i prodotti, corsi di quà, corsi di là, corsi, corsi e corsi, un fiume di corsi. Ed è anche il tempo dove tutto deve essere regolato, legiferato ogni respiro, ogni angolo di questo mondo, dove nessuno più si carica o si vuol far caricare di responsabilità.

Ecco, sono le responsabilità che tutta la collettività, noi, stiamo rifiutando: come dire, io, noi, non vogliamo e non possiamo più applicare il Buon Senso; il Buon Senso è perso, morto, e le leggi, le troppe leggi, hanno sostituito il Buon Senso.

E così nel mondo del vino ruota una folla fatta di persone spesso con le scarpe lucide o incravattate, alcune in nome della legge, per cercare spazi vitali disponibili. Ma gli spazi sono sempre più piccoli ormai, spazi dove si aggirano gli onesti e i disonesti, chi cerca solo profitti, chi cerca possibilità, chi cerca di bere bene gratis o chi idealizza questo mondo e vive solo di questo mondo.

Insomma una gran folla che finsce per diventare un buco nero ai miei occhi dove, dietro le quinte, regna solo la regola del business. Capisco, senza quello è difficile andare avanti per noi tutti, produttori, rappresentanti, distributori, ristoratori, blogger, giornalisti, notai, avvocati, banche, enti, addetti vari. Ma è come se questo mondo si sia definitivamente allontanato dalla realtà pratica della campagna e sia diventato pericolosamente populista, eccessivo, di troppo, dove appunto il Buon Senso è svanito.

La semplicità nel godere di un bicchiere di vino, in silenzio o in compagnia, sono ancora intimi attimi preziosi da non farsi rubare.

(Visited 35 times, 1 visits today)

3 pensieri riguardo “La folla intorno al vino”

  1. La tua Paolo è una bella considerazione, quello che spesso molti non riescono a fare, a capire.
    Però, in quanto blogger a tempo perso, vorrei dirti che i blogger del vino con le regole del businness hanno poco a che fare, per lo meno la maggior parte.
    Sono per lo più appassionati, che scrivono di una loro passione o hobby.
    Frequentano fiere e visitano cantine, come farebbero gli appassionati di sci con le piste e le fiere dei prodotti sportivi.
    Una piccola parte forse ci campa o forse ci vivacchia, o forse scrocca solo qualche bottiglia, ma io ne conosco tanti che vanno in enoteca a comprare bottiglie di tasca propria, e fanno uguale durante le visite ai produttori.
    Un caro saluto.

  2. Grazie daniele,
    mi fa veramente piacere la difesa dei blogger. Che a tempo perso lo sono anch’io. Recentemente ho ricevuto l’ennesimo invito a inviare bottiglie per una recensione in un blog.: se tutti i blogger del vino facessero così però svuoterei la cantina… 😉

  3. Infatti Paolo ultimamente ho visto c’è una proliferazione di presunti blogger anche nel campo del vino, come c’è già stata in altri campi.
    Non so se hai visto il lavoro di Davide Cocco con Campioncini, ha raccolto le mail di richiesta di campioni inviati da tanti "blogger", come è capitato a te.
    Purtroppo questo rovina un po’ l’immagine dei veri appassionati.
    Ma come si dice "tutto il mondo è paese", e non si può pretendere che tutti siano puliti e onesti.
    Solo la trasparenza massima è quella che concepisco.
    Io, come tanti altri, ho ricevuto spesso richieste di "collaborazione", oppure di post "pilotati".
    Molti hanno denunciato spesso questa cosa, uno su tutti Enofaber.
    Per quello che mi riguarda, il mio lavoro è altro, questa è solo passione, e non voglio che nessuno la possa sfruttare a proprio vantaggio, per nessun motivo.
    Mi piace sempre leggere quello che scrivi, perché si sente che è sincero e sentito.
    A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *