La rivoluzione nella nuova guida Slow Wine 2021

La guida Slow Wine nuovamente sorprende per la capacità di innovazione e interpretazione della realtà dei tempi.
All’alba di undici anni fà riuscì a spostare l’attenzione da un’analisi quasi sistematica sui vini portata avanti dalle altre guide verso tutti quei valori aggiunti che una bottiglia di vino rappresenta sopratutto in Italia: sostenibilità, paesaggio, autenticità dei produttori, interpretazione dei territori, cultura, cibo e, diciamolo, l’emozione che una bottiglia di vino deve scatenare.
Quest’anno, con la nuova guida Slow Wine 2021, un’altra intuizione che sicuramente proseguirà perfezionandola negli anni: l’introduzione di un qr code su quasi un migliaio di schede, che rimanda ad una intervista dove la faccia del produttore si vede, dove si sentono le parole, dove si esprimono Storie.
In sintesi una guida cartacea, che si tocca, abbinata al mondo via internet.
Nell’anno del Covid, dove anche le aziende stesse hanno dovuto sforzarsi per presentare in tempo almeno su qualche guida i nuovi vini, dove il tracollo del mercato Ho.Re.Ca ha prodotto notevoli difficoltà tra gli operatori del settore, insomma tra mille difficoltà, questa è una nuova positiva luce in Italia per questo nostro amato mondo enoico.
Quindi vorrei esprimere un sincero ringraziamento e un incoraggiamento a tutto lo Staff di Slow Wine, che possano proseguire in questa avventura con sempre tanto entusiasmo, come noi produttori tentiamo sempre di fare.

(Visited 67 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *