L’ennesiama burocrazia

Oggi ho perso la testa. Stamattina come da appuntamento mi sono recato alla CCIAA di Siena, ufficio ambiente, per ritirare una c***o di chiavetta USB che dovrebbe sostituire le denunce cartacee per lo smaltimento dei rifiuti, per un sistema di tracciabilità dei medesimi. E lì sono andato in escandescenze, con urla, e mi sono fatto anche ricevere dal dirigente, dietro scrivania con pili di foglie, imperturbabile, tanto lo stipendio lo prende lo stesso.

Per ottenere questa chiavetta avevo impiegato molte ore per compilare l’iscrizione al Sistri on-line e dopo pagamento di euro 120 con bonifico mi è stata comunicato che dovevo ritirare la chiavetta appunto alla CCIAA di Siena. Vado a Siena, ma vogliono per il rilascio della chiavetta copia della ricevuta del bonifico, già a suo tempo inviata per fax a Roma. Nulla daffare, sarei dovuto tornare. In ginocchio li prego di darmela lo stesso, altrimenti avrei perso un’altra giornata di lavoro con la promessa che l’avrei inviata per fax appena tornato a casa. Niente daffare. Allora mi inca**o. L’impiegata mi conduce dal capo ufficio che sostiene che il regolamento è quello, che senza ricevuta del pagamento era tutto inutile. Allora col capoufficio vado dal dirigente, lì il capo ufficio sostiene che non avevo pagato, alzo la voce, perdo le staffe, divento rosso dalla rabbia, sostengo che senza pagamento non averei potuto avere l’iscrizione al Sistri. Urla e strepiti. Alla fine telefono in banca e a mia moglie per cercare questo c***o di ricevuta di pagamento. Miracolosamente vine trovata, inviata per fax e mi danno la chiavetta. Contemporaneamente si scopre che avendo fatto l’iscrizione nei primi mesi dell’anno, era stata inserita una nuova tipologia di categoria, successiva, quella degli agricoltori per cui la domanda di iscrizione doveva essere cambiata…

Sono depresso.

Vado a casa inserisco la chiavetta, il software sistri salta, telefono al numero verde, dopo venti minuti rispondono, il software riesco a sostituito. Ma non funziona, nulla. Allora ritelefono, altri venti minuti di attesa, non ci capiscono nulla, aprono una pratica perchè la chiavetta non funziona.

Sono ancora depresso e ho litigato con mia moglie stasera.

 

(Visited 24 times, 1 visits today)

5 pensieri riguardo “L’ennesiama burocrazia”

  1. Con un racconto del genere bottiglia di Lambrusco stra meritata!!! La prima occasione che capito te la porto. ci sono certi giorni che bisognerebbe stare in casa chiusi in un armadio..ciao GP

  2. Questo e’ un mondo di parassiti che proliferano in un sistema creato ad hoc per promuovere la furbizia, il favoritismo, privilegi di classe, la delinquenza, l’immoralita’ e la speculazione. (Sicuramente ho dimenticato qualche altra virtu’). Se ti deprimi e’ un buon segno. Vuol dire che non sei parte di questo sistema….con tutte le conseguenze che comporta.

  3. Purtroppo e’ cosi’ e cosi’ va avanti finche’ non finisce questo Sistema,vedi alcuni Uffici che dovrebbero essere al Servizio dei Cittadini,aprono al mattino alle " 9" e chiudono all’una e al pomeriggio sono chiusi e chi lavora al mattino ? Deve far ferie? E un operaio quante ferie deve avere all’anno per far fronte a tutti questi uffici? e dove e’ finito il Servizio al Cittadino? ….Sergio

  4. Ora è troppo tardi, ma mi è stato communicato di non aver fretta ad iscriversi al SISTRI, perchè per quelli che producono meno di 90 Kg all’anno di rifiuti pericolosi forse non ci sarà l’obbligo, stando molto sull’alto arriverei a 25 – 30kg filtri compresi, o sei diventato molto grande o hai fatto troppo in fretta, o è cambiata ancora la legge…
    Io dopo aver fatto per primo tante mosse legali sbagliate ora avendo preso la nazionalità aspeto l’ultimo giorno, ma vedo che ho passato la stafetta del "cercare di essere in regola" !! solo che quel bastone della stafetta ti si mette sempre tra le gambe!

  5. Antoine, che ti devo dire hai perfettamente ragione, era meglio se mi iscrivevo l’ultimo giorno. In Italia si rimanda sempre… Anch’io produco circa meno di 50 Kg. Comunque ho verificato che c’è una opzione per gli agricoltori che producono fino a 100 Kg. e il costo è di 30 Euro l’anno. Non si sa se poi partirà questo sistri, (se poi il governo cade passeranno anni…) nel frattempo si farà come sempre si è fatto… cercando di fare il meglio possibile.

Rispondi a Gianni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *