Le Guide dei vini d’Italia saranno costrette a saltare l’uscita?

Non ho la sfera di cristallo ma sicuramente cambiamenti in questo settore ci saranno, eccome. Io come penso altri vignaioli in questo tempo di Coronavirus stiamo posticipato le uscite dei vini, almeno alcuni vini, per cercare di affrontare il probabile e terribile crollo di liquidità necessario per gli stipendi, per proseguire i lavori in vigna e altro. Anche Caparsa ha rimandato il previsto imbottigliamento di primavera dell’annata 2017 Chianti Classico Annata e Riserva in attesa di tempi migliori, cioè il prossimo autunno o addirittura molto dopo. Riconosco che il vino Chianti Classico è una tipologia che può facilmente invecchiare per cui non risentirebbe in termini di qualità lunghi slittamenti. Però non permetterà alle guide di recensire in tempo i vini. Per lo meno alcuni.
E’ anche vero che ci sono vini che sono già stati imbottigliati per conservare le loro caratteristiche di freschezza, oppure imbottigliamenti già effettuati poco prima dello scoppio della guerra Coronavirus.
Dunque, le domande mi sorgono spontanee: le guide 2021 saranno costrette a recensire prevalentemente i bianchi, i rosati, insomma i vini giovani? E per i vini importanti, come faranno? Rischiano di uscire in autunno guide un po’ incomplete… sempre che cerchino di proseguire nel solco del passato.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *