Ennesima burocrazia: nuova misurazione dei vigneti

Tante misurazioni sono state fatte, non passa qualche anno senza che qualcuno misuri gli stessi vigneti, con apparecchi GPS e con le foto aeree: la Provincia, il tuo agronomo, La Regione, AGEA, ARTEA.

In Toscana, proprio il sistema ARTEA sembrava quello definitivo, i rilievi di ogni genere hanno portato negli ultimi quattro anni a completare lo schedario dei vigneti non dico semplice, ma sempre aggiornato.

Pochi mesi fa la Giunta Regionale Toscana ha approvato il “Piano operativo per l’allineamento tra le superfici registrate a vigneto nello schedario regionale e le relative foto” alla data 2010. Sì perchè il SIAN, ma anche il SIGC, devono produrre il GIS! Roba da matti.

Da matti, perchè io ad esempio ho gli aggiornamenti del 2012, per cui ci saranno errori nell’allineamento dei dati 2010/2012!

A me sembra che in pratica è stato escogitato l’ennesima burocrazia per finanziare lavori inutili sulle spalle dei viticoltori. Infatti si verificheranno differenze anche di pochi metri quadri in più o in meno su superfici di tanti ettari, che i professionisti dovranno sanare anche se siamo più aggiornati di loro. Per la gioia di tutti quei funzionari della Regione, di Artea, delle Amministrazioni Provinciali e dai rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole e cooperative che finalmente hanno qualcosa da fare nella loro vita. E forse per la gioa di qualche grande azienda che si potrà ritrovare una superficie più grande di quella odierna.

Possibile che nessuno ci lasci in pace con i nostri sorrisi?

 

 

(Visited 33 times, 1 visits today)

4 pensieri riguardo “Ennesima burocrazia: nuova misurazione dei vigneti”

  1. Non so se ci si abitua….approfitto del discorso foto….. Come te faccio biologico e ho un po di terreni a pascolo e seminattivo, quando dichiaro la superficie a pascolo prendo la superficie della particella e la dicharo "pascolo" nel PAP-PAL… Quest’anno mi hanno fatto storie perchè siccome ci sono delle siepi intorno alla particella e con le foto aeree dalla prima dichiarazione a quella di quest’anno (ultime foto non so quando) erano cresciute, ho dichiarato una superficie errata. Non ho tutta la particella a pascolo ma 300 metri in meno secondo le foto aeree, per l’ombra delle siepi…..
    Ma a questo gioco qua dovrei rifare il catasto ogni anno!!! Sono tutti matti!

  2. Facessero anche un acenno ai costi che andranno a sostenere i produttori, costi che si ripettono ogni 2 o 3 anni, perchè sono cosi tanto bravi in toscasna ad essere precisi….
    Ci mangiano i sindacati, i geometri, perchè scometto che non basterà che i produttori dichiarino questa è la particella catstale, questa è la misura del vigneto [u]già fatta da un geometra[/u], per cui le superfici delle capezzagne si possono dedurre dalle diferenze.
    No ci vorrà sicuramente un altro geometra che lo certifichi. (riconosco che faccio processo alle intenzioni, in quanto ancora non ho capito come si dovrà fare)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *